giovedì 20 novembre 2014

Venere e Anadiomene

Come da un verde feretro di latta, una testa
dai bruni capelli esageratamente impomatati
da una vecchia tinozza emerge, lenta e ottusa,
con qualche deficienza piuttosto malmessa;

e il collo grasso e grigio, le scapole larghe
sporgenti; il dorso corto che rientra ed esce;
e i fianchi tondi che sembrano spiccar il volo;
il grasso sotto la pelle appare in piatte falde;

la schiena è un po' rossa; e tutto ha un odore
stranamente orrendo; si notano soprattutto
cose singolari da osservare con la lente...

Le reni hanno incise due parole: Clara Venus;
e tutto questo corpo si muove e porge l'ampia groppa
schifosamente bella per un'ulcera all'ano.

(Arthur Rimbaud, Poesie)

Nessun commento:

Posta un commento