giovedì 14 giugno 2012

A un fanciullo

Presso le porte Scee con Astianatteettore_andromaca_e_astianatte~OM224300~11053_20090328_135_74
fra i cedri pensierosi t’ho incontrato
immagine di me, immagine mia,
e in quant’altre città, spinta dal tempo
forse a significarmi;
subito rifuggita via nell’ombra
più volte, più volte per i secoli.

Lungo quant’altre mura ti ricordo
con i chiari fanciulli nel silenzio
della sera pei chiassi e le piazzole;
t’inchinavi a giuocare sostenuto
forse dal mio destino, sotto il fuoco
scuro della mia stella.

(Mario Luzi, Tutte le poesie)

Nessun commento:

Posta un commento