martedì 5 giugno 2012

Quando l'occhio del giorno s'è chiuso

Quando l'occhio del giorno s'è chiuso,
     E le stelle rinnegano ogni raggio,
E presso la capanna alla foresta giorno
     Soffia il ruggente bosco dei miei sogni

Dalla profonda argilla, dalla deserta roccia,
     Dalle sabbie sommerse in alto mare,
Non venite a bussare alla mia porta,
     Cuori che più non mi potete amare.

Dormite in pace, tornate a riposare
     Là nelle terre in cui siete distesi;
In lontane dimore l'oriente e l'occidente
     Si giacciono sui letti proprio da voi formati.

Nel fango denso, nella soffiante polvere,
     Nel limo annegato del mare,
Dove voi non vorreste dovete riposare,
     Dovete riposare, e non con me.

(A. E. Housman, Poeti del '900)

Nessun commento:

Posta un commento