domenica 29 aprile 2012

La spiaggia dalle sabbie bianche

Celle di castelli di sabbia
feritoie finestre dell’oblio
tutto è rimasto uguale spiaggia
eppure tutto è cambiato tu eri nuda nel sole
eri nuda e nuotavi
rotolano i ciottoli col mare
e sempre sempre sentirò
il dolce ritornello delle pietre felici
il lieto ritornello delle pietre bagnate
straziante melodia delle vacanze
sperduta nelle ondate del ricordo
strazianti ricordi dell’infanzia
bruciata viva dal desiderio
meraviglioso ricordo
dell’infanzia abbagliata dal piacere.

(Jaques Prèvert, Storie)

Nessun commento:

Posta un commento