sabato 25 febbraio 2012

Er caffettiere fisolofo

L'ommini de sto monno so ll’istesso
che vvaghi de caffè nner mascinino:
c’uno prima, uno doppo, e un altro appresso,
tutti cuanti però vvanno a un distino.

Spesso muteno sito, e ccaccia spessomascinino
er vago grosso er vago piccinino,
e ss’incarzeno tutti in zu l’ingresso
der ferro che li sfraggne in porverino.

E ll’ommini accusí vviveno ar Monno
misticati pe mmano de la sorte
che sse li ggira tutti in tonno in tonno;

e mmovennose oggnuno, o ppiano, o fforte,
senza capillo mai caleno a ffonno
pe ccascà nne la gola de la Morte.

(Gioacchino Belli, Sonetti romaneschi)

Nessun commento:

Posta un commento